Discorsi sulla Carta d’Atene

Autores/as

  • Elena Brambilla Politecnico di Milano (Italia)

DOI:

https://doi.org/10.26754/ojs_zarch/zarch.201559112

Palabras clave:

CIAM, Carta d’Atene, funzione, forma urbana, spazio aperto, modelli insediativi

Resumen

Esiste un’eredità del Movimento Moderno che può costituire spunto di riflessione per la comprensione della città contemporanea? La domanda riporta immediatamente al IV Congresso dei CIAM a bordo del Patris II dove gli architetti moderni discussero e definirono i caratteri fondativi della nuova città, la città funzionalista. La diffusione dei risultati del IV Congresso avviene attraverso il testo Urbanisme des CIAM, La Chartes d’Athenes, per l’Editore Plon di Parigi, autore Le Corbusier, che pur connotandosi come un documento unanime, in realtà riduceva i contenuti del Congresso e le conclusioni mentre taceva, forse intenzionalmente, o forse con intento di semplificazione, sulla differenza di pensiero delle delegazioni, elemento che costituiva la ricchezza e il valore dei CIAM. Nelle considerazioni che seguono si tenta una lettura non convenzionale che, utilizzando analisi critiche già elaborate ma meno note, cerca di ristabilire il senso del documento e di approfondire la varietà dei contributi al IV Congresso, svelando visioni urbane non sempre omologhe a quella di città funzionale come usualmente intesa. Infine, prendendo spunto anche dalla recente versione della “Nuova Carta d’Atene”, nelle Conclusioni si avvia una rifles- sione su questioni spaziali già evidenti nella Carta del 1943 e oggi ancora più cogenti per il progetto urbano.

Descargas

Los datos de descargas todavía no están disponibles.

Biografía del autor/a

Elena Brambilla, Politecnico di Milano (Italia)

Architetto e dottore di ricerca in Architettura Urbanistica e Conservazione dei luoghi dell’abitare e del paesaggio nel Dipartimento di Architettura e Studi Urbani del Politecnico di Milano. La sua ricerca si focalizza sul mutamento delle forme insediative e sulle metodologie progettuali per la costruzione di spazi dell’abitare confortevoli e appropriati all’oggi. Ha svolto l’attività di cultore della materia nel Laboratorio Internazionale di Progetto e Costruzione dell’Architettura coordinato dalla prof. arch. Maria Grazia Folli dall’anno accademico 2011.12 all’anno accademico 2014.15. Dal settembre 2011 all’agosto 2012 è stata assegnista di ricerca al Dipartimento di Progettazione Architettonica del Politecnico di Milano per lavorare sul tema “Razionalità nel progetto dell’abitazione sociale contemporanea e qualità degli spazi dell’abitare: strumenti metodologici, teorici e applicativi”, collaborando al gruppo di ricerca “Case e territorio urbano” coordinato dalla prof. arch. Maria Grazia Folli. Elena Brambilla è anche dottore di ricerca in Fisica, presso l’Università Federico II di Napoli.

Citas

CACCIARI, M., “Abitare Pensare”, in Casabella n. 662-663 (dicembre 1998 – gennaio 1999).

CALABI, D., Storia dell’urbanistica europea, Milano: Bruno Mondadori (2004).

CHERMAYEFF, S., ALEXANDER, C., Spazio di relazione e spazio privato. Verso una nuova architettura umanistica, Milano: Il Saggiatore (1968, traduzione dalla edizione inglese 1963).

CLÉMENT, G., Manifesto del Terzo Paesaggio, Macerata: Quodlibet (2005, traduzione della edizione francese 2004).

DE BENEDETTI, M., PRACCHI, A., Antologia dell’architettura moderna, Bologna: Zanichelli (1988).

DI BIAGI, P., “I CIAM verso Atene, spazio abitabile e città funzionale”, Convegno EL GATCPAC Y EL SUO TIEMPO, politica, cultura y arquitectura en los años treinta, V Congreso Internacional DOCOMOMO Iberico, Barcelona, 26-29, Octobre 2005.

DI BIAGI, P., a cura di, La Carta d’Atene. Manifesto e frammento dell’urbanistica moderna. Roma: Officina edizioni (1998).

FASOLI, V., a cura di, Spazi, Milano: Franco Angeli (2003).

GARCÍA VÁZQUEZ, C., “Ciudad y vivienda social en la Espana democràtica: muerte y resurrecion de la Carta de Atenas”, in La vivienda protegida. Historia de una necesidad, Madrid: AVS (2011).

HUET, B., “La città come spazio abitabile. Alternative alla Carta di Atene”, in Lotus n. 41 (1984).

KOLLHOFF, H., “Costruzione urbana contro alloggio”, in Lotus n. 94 (1997).

LAMBERTINI, A., Urban beauty! Luoghi prossimi e pratiche di resistenza estetica, Bologna: Editrice Compositori (2013).

LE CORBUSIER, La Carta d’Atene, Cremona: Edizioni di Comunità (edizione italiana 1960, traduzione dalla ristampa francese 1957; prima edizione 1942).

MUMFORD, E.P., The CIAM Discourse on Urbanism, 1928-1960, Cambridge, Massachusetts: MIT Press (2000).

PANERAI, P., CASTEX, J., DAPAULE, J.C., Isolato urbano e città contemporanea, Torino: Città Studi Edizioni (2004, traduzione dalla edizione francese 1977).

SECCHI, B., La città dei ricchi e la città dei poveri, Roma, Bari: Laterza (2013)

SECCHI, B., Un progetto per l’urbanistica, Torino: Einaudi (1989).

VAN ES, E., HARBUSCH, G., MAURER, B., PÉREZ, M., SOMER, K., WEISS, D., Atlas of the Functional City. CIAM 4 and Comparative Urban Analysis, Bussum/ Zürich: TOTH Publisher/gta Verlag (2014).

VIGANÒ, P., a cura di, Ordine sparso, saggi sull’arte, il metodo, la città e il territorio, Milano: Franco Angeli editore (1998)

Descargas

Publicado

2015-12-31

Cómo citar

Brambilla, E. (2015). Discorsi sulla Carta d’Atene. ZARCH. Journal of Interdisciplinary Studies in Architecture and Urbanism, (5), 174–186. https://doi.org/10.26754/ojs_zarch/zarch.201559112

Número

Sección

Artículos temáticos